Vai a sottomenu e altri contenuti

La Marmilla 'riciclona'. Differenziato l'81 per cento dei rifiuti nei 18 comuni dell'Unione

Numero: 8 Data: 10/05/2021 10:00 Categoria: Raccolta differenziata

Tutti i dati del servizio gestito in forma associata dai 18 comuni del territorio

La Marmilla differenzia l'81 per cento dei rifiuti

Il presidente Pisanu: <I nostri cittadini sono i veri alleati nel potenziamento del servizio>

La Marmilla differenzia l'81 per cento dei rifiuti prodotti dai suoi oltre 24 mila abitanti.

E' uno dei dati più alti in tutta la Sardegna.

Zona interna, che merita, dunque, il titolo di territorio ''riciclone'' grazie al servizio di raccolta differenziata dei rifiuti gestita dall'Unione ''Marmilla'' nei suoi diciotto comuni.

Ma non è il momento di cullarsi sugli allori.

Rimangono ancora molte sfide aperte: riduzione dei costi del servizio e diffusione molto più capillare del compostaggio domestico con la conseguente diminuzione delle quantità di rifiuto portate a smaltimento, un ulteriore calo dei costi e, nello stesso tempo, premialità per i cittadini della Marmilla, che adotteranno lo stesso compostaggio nelle loro abitazioni.

<Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti>, ha detto il presidente dell'Unione ''Marmilla'' Marco Pisanu, <ma vogliamo fare sempre meglio, anche grazie alla collaborazione dei cittadini. Per questo attiveremo nuove campagne di sensibilizzazione nel territorio e incontri con le popolazioni perché la raccolta differenziata migliori sempre di più e vengano messi in pratica da tutti i nostri cittadini comportamenti sempre più responsabili e che faranno bene al nostro ambiente. Come, appunto, l'adozione del compostaggio domestico da un numero sempre maggiore di privati>.

rifiuti

(Il servizio nel territorio)

I DATI L'ingegner Valerio Porcu, responsabile del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti per conto dell'Unione Marmilla, ha illustrato i dati proprio durante l'assemblea di sindaci e amministratori nella sala convegni del museo del territorio del Consorzio turistico Sa Corona Arrubia. Il servizio, gestito dalle due ditte ''Econord'' e ''Cosir'' ha raggiunto nel 2020 una percentuale di raccolta differenziata dell'81,06. <Un ottimo dato>, ha sottolineato Porcu, <anche se con un leggero decremento rispetto al 2019 dello 0,81 per cento a causa delle restrizioni imposte dalle varie ordinanze ministeriali e regionali per il contenimento dei contagi di Covid-19 e i passaggi speciali di ritiro dei rifiuti dedicati alle utenze soggette a protocolli sanitari>. Nel 2020 sono cresciute le seguenti tipologie di rifiuti: plastica e imballaggi metallici ( + 3,73%), metalli (+ 44,26), toner da stampanti (+ 496,61), inerti (+ 78,80), ingombranti ( + 35,66) e secco residuo ( + 0,40). <L'aumento di metalli e ingombranti è un segnale delle restrizioni lavorative e di movimento, legate alla pandemia, che hanno favorito l'effetto ''pulizia'' nelle case dei cittadini>, ha spiegato l'ingegnere, <il leggero aumento dell'indifferenziato è legato ai ritiri dalle utenze Covid-19, malati soggetti in quarantena o isolamento fiduciario. L'aumento di inerti e toner per stampanti al potenziamento degli ecocentri, attivati nel 2020>. In diminuzione le restanti tipologie di rifiuti: vetro (- 3,24%), organico ( - 8,65), medicinali ( - 30,89), batterie e accumulatori ( - 37,43), abbigliamento ( - 45,49), oli da cucina ( - 16,69), apparecchiature elettriche ed elettroniche ( - 24,31). <Il decremento di rifiuti organici da cucine e mense è un altro indice dell'effetto delle chiusure imposte dalla pandemia nell'attività di ristorazione. Il trend negativo dei medicinali ribadisce la tendenza benefica dell'effetto generato dall'uso di mascherine e igienizzanti, misure preventive anche verso altre malattie e patologie>. Nel 2020 sono 8923 le tonnellate totali di rifiuti prodotti nei 18 comuni dell'Unione ''Marmilla''.

assrifiuti

(La comunicazione dei dati sulla raccolta differenziata ai sindaci)

GLI ECOCENTRI Altro fiore all'occhiello del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti gestiti in forma associata sono gli ecocentri, dei quali si servono sempre più i residenti in Marmilla. Al momento sono attivi gli ecocentri di Sanluri, Villamar, Villanovaforru, Collinas, Segariu, Gesturi e Villanovafranca. Saranno aperti prossimamente anche gli ecocentri di Tuili, Barumini e Lunamatrona.

ecovillanovafra

(L'ecocentro di Villanovafranca)

I COSTI Dal punto di vista ambientale i risultati rimangono confortanti e superiori alle previsioni. Invece dal punto di vista economico si registra una controtendenza, con un aumento del costo complessivo del servizio pari al 2,37 per cento, lievitato dunque dai 2 milioni e 141 mila euro del 2019 ai 2 milioni e 192 mila euro del 2020. Le previsioni per il 2021 riguardano un altro possibile aumento del 4,3 per cento, un dato, che però potrebbe calare nel corso dell'anno se l'emergenza Covid si dovesse ridurre e per effetto delle premialità applicate dalla Regione all'Unione. Proprio la gestione dei rifiuti urbani derivanti, direttamente o indirettamente, dalla pandemia, hanno fatto lievitare la spesa per il servizio di 35 mila euro nel 2020.

differenziata

(Sono 18 i comuni della Bassa Marmilla, servizi dal servizio di raccolta differenziata in forma associata dell'Unione Marmilla)

IL COMPOSTAGGIO Dal 2019 l'Unione ''Marmilla'' ha avviato la diffusione del compostaggio del rifiuto biodegradabile prodotto dalle utenze domestiche. <Una modalità che però stenta ancora a diffondersi, nonostante siano stati già approvati degli sgravi sulla tariffa dei rifiuti e campagne di informazione e sensibilizzazione capillari>, viene precisato nel rendiconto del servizio, approvato dall'assemblea degli amministratori dell'Unione. La Giunta ha stabilito importanti agevolazioni tariffarie da applicare alle utenze, che attivino il compostaggio domestico: 60 euro di sgravio per un'utenza domestica composta da 6 unità e più, 55 euro per cinque unità, 50 per quattro unità, 45 per tre unità, 40 per due unità e 30 euro per un'utenza domestica composta da un'unità. L'Unione è pronta a mettere in campo altre iniziative. <Nuove campagne di sensibilizzazione e incontri con i cittadini>, ha annunciato il presidente Pisanu, <ma potremmo anche avviare un progetto pilota per la realizzazione negli ecocentri comunali di piccoli impianti di compostaggio di prossimità, per evitare di inviare a smaltimento almeno, ma non solo, i rifiuti biodegradabili derivanti da sfalci e potature prodotti dalle utenze domestiche. La gestione sarebbe a carico dell'Unione, chiederemo però un finanziamento per queste nuove infrastrutture>.

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Presidente
Referente: Antonio Pintori
Indirizzo: Via Carlo Felice n. 267 - Sanluri
Telefono: 0709307050  
Fax: -
Email:
Email certificata: unionecomunimarmilla@legalmail.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto